lc-architettura

2014 – 2016 / CASA DELLE CULTURE E DELLA MUSICA NELL’EX CONVENTO DEL CARMINE – VELLETRI

 

COMUNE DI VELLETRI

IV SETTORE - PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO E DELLE OPERE

 

CASA DELLE CULTURE E DELLA MUSICA - DIREZIONE LAVORI / PERIZIA DI VARIANTE

SISTEMAZIONE DEL GIARDINO E DELLE AREE ESTERNE - PROGETTO ESECUTIVO / DIREZIONE LAVORI

PROGETTO DI FORNITURA ELEMENTI DI ARREDO E DI ILLUMINAZIONE - PROGETTO ESECUTIVO / DIREZIONE LAVORI

 

L'ex Convento del Carmine di Velletri, in seguito al progetto di restauro e riqualificazione, ospita la Casa della Cultura e della Musica. Il complesso è costituito da due piani fuori terra e un piano interrato e presenta un impianto di forma quadrata articolato attorno ad un chiostro porticato e coperto con volte a crociera. Le lunette del chiostro sono affrescate da storie dell’Ordine Carmelitano. La volta a botte ribassata del refettorio mostra la rappresentazione di Elia sul carro di fuoco e, sulle pareti di fondo, della Vergine tra Santi e Martiri e dell’Ultima Cena. Gli affreschi sono attribuiti a Gaspare Duguet detto il Poussin. Gli orizzontamenti di piano sono costituiti da sistemi voltati a botte e a crociera e da residui solai in legno. Le coperture sono costituite da capriate e travi in legno con pianellato e manto di tegole a coppi e controcoppi. Il complesso verteva in uno stato di conservazione di diffuso degrado per vetustà e abbandono, unito a danni strutturali localizzati.
La perizia di Variante comprende varianti di natura strutturale, varianti dovute a prescrizioni della Soprintendenza, modifiche di ordine funzionale e varie integrazioni di materiali e componenti di dettaglio conseguenti a migliorie. Tra gli interventi principali: la variazione della tipologia di consolidamento per il miglioramento sismico delle arcate del chiostro; la variazione del sistema strutturale per il miglioramento sismico della sala concerti nella ex chiesa; la variazione del controsoffitto voltato nella zona palco; la chiusura delle finestre della  facciata della ex chiesa; il miglioramento della qualità estetica e la funzionalità della sala concerti tramite controsoffittatura con pannelli acustici disposti a rivestimento della nuova struttura in acciaio di controventamento sismico; il miglioramento della zona di ingresso e del soppalco della biblioteca; la modifica delle partizioni delle sale polivalenti; l'introduzione delle porte in vetro di accesso al chiostro.
Oltre alla perizia di Variante e alla Direzione Lavori dell'intero complesso, l'incarico è stato esteso anche alla progettazione Esecutiva e alla Direzione Lavori dell'area esterna di ingresso al complesso su Piazza Trento e Trieste e del giardino antistante.

Post

  • Published on ottobre 13, 2016
  • Tag: